STUDIO DI CONSULENZA FINANZIARIA INDIPENDENTE BEEMHONEY CONSULTING

Il consulente finanziario indipendente è un professionista privo di qualsiasi vincolo con Istituti bancari e finanziari che pone al Tuo servizio le Sue competenze, capacità ed esperienza nel settore bancario e finanziario, assicurativo e previdenziale, svolgendo il ruolo di intermediario finanziario senza conflitto di interesse.

Appuntamenti

L'Aperitivo del Buon Investitore a Roma

07.04.2016

Dopo un inizio anno particolarmente negativo e con tante incognite che pesano sui mercati, arriva ...

Dicono di noi

BREXIT

01.09.2016

Il Dr. Fabio Perna intervistato nella rubrica dedicata alla economia e alla finanza della ri ...

Sostituzione, surroga e rinegoziazione mutuo

Servizi di consulenza - Sostituzione, Surroga e rinegoziazione del mutuo

Abbiamo parlato della scelta del mutuo.
Vogliamo ora entrare, sempre in tema di mutui, nel merito di altre operazioni che possono rendersi opportune allo scopo di modificare la rata del proprio mutuo, trasformare il proprio tasso da fisso a variabile o viceversa, ricevere un’ulteriore somma o altre operazioni analoghe.

Alla luce delle disposizioni legislative che si sono succedute dal 2007 in avanti, in materia, ad esempio, di surroga, è bene effettuare una corretta analisi delle esigenze che spingono ad effettuare delle scelte, al fine di muoversi nella direzione più corretta ed usufruire correttamente delle possibilità a disposizione.

Lo studio di Consulenza Finanziaria Indipendente BEEMHONEY CONSULTING, si pone come valido interlocutore in grado di fornire assistenza nella valutazione delle esigenze, nella scelta della modalità migliore di intervento, nella ricerca e nella scelta dell’Istituto presso il quale effettuare l’operazione prescelta.

La surroga, permette di trasferire il debito residuo ad un’altra banca con la quale si riescono ad ottenere condizioni migliori, senza sostenere i costi derivanti dalla scelta di sostituire il mutuo, essa è pertanto un’operazione gratuita in quanto il legislatore ha posto a carico della banca subentrante le spese e gli oneri notarili derivanti dal passaggio, eccezion fatta per la trascrizione della tassa ipotecaria.

La banca, alla quale si richiede il subentro, non è obbligata ad accettare l’operazione mentre tale obbligo sussiste in capo alla banca “sostituita” la quale dal 2009 ha anche delle penali da pagare in caso di ritardi superiori ai 30 giorni nel trasferimento del debito alla banca subentrante.

Nel caso della surroga non si può richiedere la variazione dell’importo del mutuo contestualmente al trasferimento quindi eventuali estinzioni anticipate possono essere effettuate solo prima o dopo il trasferimento del debito valutando anche eventuali penali per tale operazione.

Valutazione specifica va effettuata anche per quel che concerne la copertura assicurativa obbligatoria negoziandone il trasferimento all’istituto subentrante.
La rinegoziazione del mutuo è, invece, la facoltà del mutuante (la banca) di modificare alcune clausole contrattuali (durata, tasso, spread) lasciando inalterati mutuatario (debitore) e importo. Trattandosi di facoltà non vi è obbligo per nessuna delle parti e quindi molto è rimosso alle possibilità di negoziazione con l’Istituto Bancario qualora si voglia percorrere questa strada in quanto, durata a parte, le altre variabili possono essere modificate, secondo idonea disposizione di legge, anche con scrittura privata non autenticata e quindi senza costi suppletivi per il notaio.
La sostituzione permette, infine, di incidere anche sull’importo del debito essendo una vera e propria estinzione del finanziamento in essere con contestuale erogazione di un altro ex novo. In questo caso l’operazione comporta un’estinzione ed una nuova accensione di debito quindi va prestata attenzione e valutato l’insieme dei costi da affrontare per la sostituzione nonché l’opportunità o meno di cambiare Istituto.






Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni

DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd